fbpx
PageLines-LOGO-header-bianco.png

Come prega un Nativo Americano

disciplina: - Articolo inserito il
come prega un nativo americano

Il deserto del Nuovo Messico settentrionale stava subendo un lungo periodo di siccità, quando il mio amico David (uso uno pseudonimo), nativo americano, mi invitò a recarmi con lui presso un’antica ruota di medicina per “pregare la pioggia”. […] Si trattava di un cerchio di pietre sistemante sul terreno secondo figure geometriche perfette a forma di linee e di frecce, la cui disposizione era rimasta identica a quella datagli dal suo costruttore originario molto tempo fa.
“Che cos’è questo luogo?” gli chiesi.


La ruota di medicina

“Questo è il motivo per cui siamo venuti qui” mi disse David ridendo. “Questo cerchio di pietre è una ruota di medicina che giace qui da sempre, per quanto ne sappia la mia gente”. Continuò a spiegare dicendo: “La ruota, di per sé, non ha poteri. Serve piuttosto a chi fa l’invocazione, come punto di focalizzazione della preghiera. Potresti concepirla come una specie di carta stradale – una mappa per mettere in contatto gli esseri umani con le forze di questo mondo“. Anticipando la mia domanda successiva, David mi spiegò che il linguaggio di quella mappa gli era stato insegnato fin dai tempi in cui era ragazzino. “Oggi” disse “io viaggerò lungo un antico sentiero che conduce ad altri mondi. Da lì io farò ciò che siamo venuti a fare qui. Oggi, noi, preghiamo la pioggia“.
vai all’indice

Come si svolge la preghiera

Non ero preparato a ciò che avrei visto dopo che David ebbe pronunciato quelle parole. Lo osservai attentamente togliersi le scarpe ed entrare con delicatezza a piedi nudi all’interno del cerchio, da dove salutò le quattro direzioni e i suoi antenati. Lentamente, poi, dispose le mani davanti al viso in posizione di preghiera, chiuse gli occhi e divenne immobile. Insensibile al sole infuocato di mezzogiorno nel deserto, il suo respiro rallentò, fino a diventare quasi impercettibile. Dopo pochi minuti soltanto, David fece un respiro profondo, aprì gli occhi per guardarmi e disse: “Andiamo. Il nostro lavoro qui è finito”. Mi aspettavo di vedere delle danze, o almeno di udire delle litanie e fui sorpreso della velocità con cui la preghiera era cominciata e si era be presto conclusa. “Hai già finito?” gli chiesi. “Credevo che avresti pregato per la pioggia!”.
La risposta di David a quella domanda conteneva la chiave che in seguito avrebbe permesso a molte persone di comprendere quel tipo di preghiera. Mentre se ne stava seduto a terra ad allacciarsi le scarpe, David mi lanciò uno sguardo e sorrise. “No” rispose “ho detto che avrei pregato la pioggia. Se avessi pregato per la pioggia, non potrebbe accadere nulla“. Più tardi, quello stesso giorno, David mi precisò il significato della sua affermazione.
vai all’indice




La chiave della preghiera dei nativi americani

Iniziò raccontandomi come gli anziani del villaggio gli avessero rivelato i segreti della preghiera quando era ancora bambino. La chiave di tutto, disse, è che quando chiediamo affinché qualcosa succeda, diamo potere a ciò che non abbiamo. Le preghiere per la guarigione danno potere alla malattia. Le preghiere per la pioggia danno potere alla siccità. Poi concluse: “Continuare a chiedere in quel modo dà solo più potere alle cose che vorremmo cambiare”.
i 5 elementi – conosci te stesso e riequilibra la tua energia

vai all’indice

Come pregare

[…] gli chiesi: “Se non hai pregato per la pioggia, allora cos’hai fatto?”.
“E’ semplice” mi rispose “ho iniziato a sentire dentro di me l’effetto che fa la pioggia. L’ho sentita scorrere su di me, ho percepito cosa proverei camminando a piedi nudi nel fango in mezzo alla piazza del villaggio dopo una pioggia abbondante. Ho sentito l’odore che la pioggia sprigiona, quando cade sui muri di terra del villaggio e ho avuto la sensazione di camminare attraverso i campi di mais dove le piante ti arrivano fino al petto, tanta è stata la pioggia”.
vai all’indice

Come esprimere gratitudine

[…] David mi spiegò che dopo le preghiere di pioggia, i sentimenti di ringraziamento e di gratitudine ricoprono lo stesso ruolo dell'”amen” di matrice cristiana. Tuttavia, anziché esprimere un ringraziamento per ciò che aveva creato, egli si era sentito grato per aver potuto partecipare in prima persona alla creazione: “Con l’atto del ringraziare, noi rendiamo onore a tutte le possibilità, pur portando nel mondo solo quelle che scegliamo“.
Tratto da “La scienza perduta della preghiera” di Gregg Braden

Ti può interessare anche il Corso Intensivo di Sciamanesimo